L'associazione
Home Lo statuto Attività

Prima versione 2005

Aggiornato al 22 maggio 2012 

 

Recapiti

Tel. 0039 348.3820452

Sito Internet: www.vitoievolella.it

Codice fiscale: 97204830828

e- mail  -     ievolellalucia@libero.it 

                   pidivita@libero.it 

 

Sede di rappresentanza

Caserma Carini

Salita Mura San Vito - Palermo

 

CONSIGLIO DIRETTIVO

Presidente

Lucia Ievolella

Segretario

Giuseppe Di Vita

 Consiglieri

Rossana Carmagnani

Salvatore Messineo

Salvatore Sansone

L'Associazione nasce, il 10 settembre 2003,  dalla volontà di onorare la figura di un uomo e di un militare, che è caduto vittima della mafia per la Sua dedizione incondizionata ai valori della giustizia e della legalità, e si prefigge di recuperare il senso autentico della “memoria”, intesa non come mero e sterile “culto della personalità” ma come fecondo strumento di stimolo e di emulazione per l’edificazione di una società autenticamente rispettosa dei diritti e della dignità della persona umana. L’Associazione si caratterizza per la sua vocazione culturale, intendendo la cultura nella sua accezione più nobile ed estesa di humus che “umanizza l’uomo” e ne fa il servitore generoso e fedele della comunità civile.

L’Associazione esplica la propria attività in vari ambiti di interesse sociale e culturale, quali ad esempio:

Ø      studio e ricerca sul fenomeno mafioso e organizzazione di campagne di sensibilizzazione, volte ad instaurare la cultura del diritto, della partecipazione democratica e della corresponsabilità  civile;

Ø      promozione di iniziative e di eventi specificamente connessi alla cultura della legalità, anche in collaborazione con istituzioni, enti, associazioni a carattere pubblico e/o privato;

Ø      studio e ricerca su fenomeni di carattere sociale, politico-economico, psicologico, etico - religioso, culturale ed educativo;

Ø      realizzazione di corsi di formazione culturale, di formazione professionale, di aggiornamento e di formazione permanente, destinati a studenti, giovani e adulti;

Ø      organizzazione di eventi a carattere socio-culturale (convegni e seminari, mostre, rassegne cinematografiche, spettacoli, concorsi, fiere, viaggi culturali, ecc.);

Ø      promozione di iniziative di educazione alla cittadinanza europea, finalizzate alla divulgazione delle politiche dell’Unione Europea;

Ø      attuazione, in ambito locale nazionale ed internazionale, di progetti di volontariato sociale a favore della fasce deboli e svantaggiate.